Da Naida (Italiano)

Dear You,

Sono una donna di 35 anni e come voi soffro di depressione.

So cosa stai provando ed è la sensazione più insopportabile che abbia mai provato in tutta la mia vita.

Sono stata depressa tre lunghissime volte e tutte le volte pensavo che non sarei mai uscita, che questa volta sarebbe stata veramente l'ultima che non ce l'avrei fatta a sopravvivere.

Pensavo al suicidio costantemente e non riuscivo a provare neanche dolore ma solo un'insopportabile senso di apatia e distacco.

L'ultima volta è durata dieci infiniti mesi non credevo più che sarebbe finita e progettavo il suicidio, ma mi accusavo anche di non avere il coraggio di farlo.

Ho continuato a lavorare ed era estenuante non riuscivo più a capire il significato di quello che facevo, non il senso ma proprio il significato.

Ho scordato tutto, persino la mia lingua era difficile, non ricordavo i vocaboli e non sarei stata in grado di parlare di niente se non del mio malessere.

Ci è voluto questa volta un ricovero ospedaliero per salvarmi.

Mentre stavo male ho scoperto le recovery letters e sono state il mio appiglio per mesi

ogni sera le leggevo per ore ritornando sempre su quelle che amavo di più e che mi davano più speranza anche se quella sensazione di potercela fare durava poco..

Eppure....eppure sono tornata alla vita, alla mia gioia, ai miei sentimenti, alla meraviglia, alla natura, all'amore, al sesso, ai gelati, alla musica, ai libri, agli amici adorati per cui non provavo più nulla se non vergogna e invidia per il loro stato di normalità.

Dear you non disperare mai, dalla depressione si guarisce sempre perché la depressione è una malattia e può e deve essere curata.

Sono di nuovo in cura con psicofarmaci e non solo non me ne vergogno ma ne vado quasi fiera perchè riesco ad affrontare la malattia e ad andare avanti e l'andare avanti non è trascinarmi perchè ogni giorno finisca e possa dormire ma è gioire di non stare più male e di godermi la vita.

So che mentre leggi pensi che tu sia senza speranza perchè magari pensi di non essere mai stato vitale, ma è una bugia grossa, una menzogna che ti racconta quest'orrore scuro che dobbiamo attraversare noi malati di depressione. La notizia meravigliosa è però che si esce sempre e poi come si è morti durante la malattia si rinasce a nuova vita.

Ogni mia depressione mi ha fatto comprendere qualcosa di me e della malattia, non però mentre ero dentro , ma dopo.

Mentre sei dentro non puoi fare NIENTE. Io mi pento di avere continuato a lavorare e so che la prossima volta se dovesse ricapitarmi mi ritirerò in un posto tranquillo finchè non sarà andata via.

Gli amici mi hanno aiutato il ricovero mi ha salvato ma è il tempo che guarisce sempre ogni cosa e credetemi tutti voi la depressione passa, torna ma poi passa e tutto il tempo che scorre senza neanche un pensiero depresso è un miracolo e io sono capace di stare anni e anni con questa sensazione di miracolo abbiate fiducia anche se è proprio la fiducia che la depressione cancella leggete le lettere anche cento volte al giorno (io non riuscivo a leggere neanche una riga di nient'altro e anche le lettere mi erano difficili) e credete a noi che ne siamo fuori.

è un orribile percorso ma s attraversa e si supera e ora sono perfino in grado di ridere della mia depressione credeteci è così!

Vi abbraccio fortissimo vi capisco e vi amo tutti.

Non siete orribili siete solo in mezzo a un'oscura malattia che cancella è uccide l'anima.

Io dico sempre che credo nell'anima perchè nelle mie depressioni ne sperimento la morte.

siate sicuri che anche per voi l'anima tornerà a vivere.

 

Naida